All you need is ..pee.

Pure Gold

Quando Mediamatic mi ha proposto di collaborare a un progetto artistico sulla pipì (sì, pipi, avete capito bene) la mia reazione non è stata delle migliori come potete immaginare.
Anch’io facevo parte di quella grande fetta di popolazione che considera la pipì come una sorta di tabù sociale: quella cosa di cui si parla solo se strettamente necessario, dal medico, fuori dal pub dopo qualche birra e con un bambino che impara a usare il vasino per la prima volta.
Bene, abbandonate questa triste e sterile prospettiva!
L’urina è parte fondamentale delle nostre vite.

E vi dirò di più: essa è una delle poche costanti della nostra esistenza ad andare oltre le differenze etniche, culturali, di genere o di età.
Incredibile è stato scoprire quante storie siano effettivamente connesse al mondo della pipì.
Gialla, essenziale e strafottente. Sfruttata dagli artisti più controversi della storia (Duchamp, Warhol, Serrano tra tutti), provocatori e rivoluzionari.

Consapevole del delicato argomento che dovevo trattare e dell’ambizioso progetto che Mediamatic aveva in mente ho cominciato dunque a lavorare a Pure Gold, la nuovissima video-sound installation presentata in occasione dell’opening ufficiale di metà settembre.
È stato invitato a collaborare al progetto Kamiel Rongen, giovane artista piuttosto noto
nel panorama Amsterdammer per le sue creazioni visive: Kamiel filma gli affascinanti processi chimici che si generano mescolando smalti e sostanze oliose in una boccia d’acqua. I suoi video mostrano un microcosmo dai colori onirici e surreali, ma dai soggetti vivi, pulsanti, filmati direttamente dal mondo naturale.
Ma, bando alla ciance: il modo migliore per capire e apprezzare i suoi lavori è VEDERLI:

Video di Kamiel Rongen: Panda Trumpet

shot- Kamiel Rongen's video

2

La cosa che affascina maggiormente è l’autenticità del processo creativo.
Per quanto difficile da credere, i video sono assolutamente originali: non c’è nessuna manipolazione digitale, nessun lavoro di post-produzione.
Tutto quello che vedete è reale.

Per quest’installazione Kamiel ha unito la spontanea bellezza delle sue creazioni con il main concept del progetto, ovvero la pipì. Letteralmente: l’artista ha infatti usato la sua pipì congelata. L’esperimento si è rivelato sorprendente: il ghiaccio, scongelandosi, ha creato un vortice di bolle, dinamica novità del video, che è andato a mescolarsi alle altre sostanze di repertorio.

Il risultato è una potente video installazione che abbiamo allestito sull’ampia facciata di Mediamatic.

Le cinque finestre già presenti diventano qui cinque schermi da retro proiezione che ospitano i video dai soggetti colorati con le loro fluttuanti reazioni chimiche.

Sotto le finestre sono stati disposti altrettanti orinatoi, di duchampiana memoria. Collegati alle proiezioni rendono l’installazione interattiva: il visitatore si trova così circondato da immagini e suoni: questi ultimi, attraverso altoparlanti di vibrazione, sfruttano le finestre come veicolo sonoro.

Pure Gold: video dell’installazione

selection 3

La pipì raccolta grazie al numeroso pubblico che di notte in notte usufruisce dell’installazione verrà utilizzata come fertilizzante per le piante di Mediamatic.
Ecco il ciclo della vita: i video alle finestre ci mostrano una natura psichedelica e rigogliosa, la stessa che emergerà tra le piante coltivate, conseguenza diretta del contributo dato dai visitatori che interagiranno con l’installazione.

PURE GOLD è aperta 24/7 a Mediamatic.

Potete trovare maggiori informazioni sul sito ufficiale di Mediamatic dove alcune mie colleghe hanno scritto altri interessanti articoli sull’argomento. (Tipo, lo sapevate che il festival AfroReggae a Rio usa la pipì per produrre energia? O che all’aeroporto di Amsterdam hanno disegnato sul fondo degli orinatoi un insetto così da incoraggiare gli uomini a prendere la mira e centrare la tazza?).

Io vi avverto eh, una volta che cominciate a scoprire questo curioso universo è un attimo diventare addicted. Poi potrete molestare i vostri amici con queste strane curiosità come già faccio io.

Precedente Amsterdam Drawing and uncertainty of Art Fairs.Amsterdam Drawing e l'incognita delle fiere d'arte. Successivo Is this contemporary art?E' davvero arte contemporanea?